La Porta Rossa e Trieste

Serata memorabile quella di mercoledì scorso, per i pochi fortunati che sono riusciti ad acquistare il biglietto per assistere all’ultima puntata della fiction Tv La Porta Rossa, trasmessa sul grande schermo al Cinema Ariston di Trieste.


I biglietti per l’evento infatti sono andati a ruba a tempo di record. Tra questi c’eravamo noi e la nostra amica Annina ed è grazie a lei che abbiamo potuto partecipare a questo sogno.

E’ stata una serata storica per Trieste e i suoi cittadini.

Presenti in sala c’erano gli attori Lino Guanciale (Leo Cagliostro), Valentina Romani (Vanessa) e Pierpaolo Spollon (Filip), il regista Carmine Elia, i produttori e la troupe.

Il regista ha voluto fortemente che la serie fosse ambientata a Trieste, per le sue atmosfere noir e gli scorci segreti e suggestivi. Come dimenticare le scene girate in Porto Vecchio o sull’Ursus, ma anche quelle sul molo Audace, sul tetto delle case del comprensorio di Melara e sulla Napoleonica.

Prima della messa in onda dell’ultima puntata, sul palco hanno parlato il direttore della Rai Fiction Eleonora Andreatta, che ha ringraziato la città di Trieste e ha svelato che ci sarà un seconda stagione (yeppy) ed in più ha precisato che la fiction è stata venduta all’estero.

Poi è stata la volta degli attori presenti. Primo a parlare di sé è stato il timido Filip della fiction (Spollon). Ha rivelato di aver imparato veramente a suonare l’Hang. Fortissima l’entrata in scena di Lino Guanciale. Sembrava proprio di essere ne La Porta Rossa: Vanessa infatti era l’unica che vedeva Cagliostro, il pubblico sentiva solo una voce fuoricampo. Sia Lino Guanciale che Valentina Romani hanno detto di amare in modo particolare Trieste e di volerci vivere. Durante la piccola chiacchierata Lino ci ha spiegato le varie tecniche di “sparizione” di Cagliostro (ci sono state delle scene esilaranti durante le riprese) e poi ci hanno raccontato che all’inizio venivano girate due volte le scene, prima con Cagliostro e poi senza. Con il passare del tempo sono diventati talmente bravi che bastava girarne una sola.

Non poteva infine mancare Federico Poillucci, presidente Friuli Venezia Giulia Film Commission, che ha voluto fortemente questa serata.

E’ stato emozionante vedere l’ultima puntata tutti insieme.

Ci è dispiaciuto che non fossero presenti tutti gli attori protagonisti, in particolare Antonio Gerardi (Rambelli), Andrea Bosca (Jonas) e Ettore Bassi (Piras). 

A fine serata il trio di attori è stato disponibilissimo a rilasciare autografi e foto e a scambiare due chiacchere.

Vogliamo credere che Trieste ha un nuovo guardiano, Leo Cagliostro, il quale controlla la città dall’alto dell’Ursus! Gli scorci di Trieste sono gli occhi di Cagliostro.

…e per fortuna la fine non esiste


Liny&Smarty

Annunci