SHORTS- International Film Festival 2016

shorts2016

L’altro lunedì, il 20 giugno, c’è stata la conferenza stampa di presentazione di SHORTS- International Film Festival ! Ve ne volevo parlare già il giorno stesso ma non trovavo le parole, e non le ho trovate fino ad oggi!

Come l’anno scorso non ho partecipato come uditrice, giornalista o qualsiasi altra figura professionale ma da VOLONTARIA!

Ebbene sì, dopo l’esperienza alla cieca dell’anno scorso e con alcuni altri festival durante quest’anno alle spalle stavolta non vedevo l’ora che uscisse la notizia della ricerca di volontari per la nuova edizione ed è arrivata via mail dalla nostra Resp. Lisa!
Inutile dire che non ho esitato a dare la disponibilità e due settimane fa c’è stata la riunione organizzativa per far conoscere il Festival a chi intraprende questa esperienza per il primo anno, per spiegare gli appuntamenti e gli eventi legati e per raccogliere le disponibilità di ognuno!

20160620_105822

Conferenza stampa SHORTS – International Film Festival 2016

Il programma non ve lo sto a raccontare nel dettaglio perché ci sono i programmi in giro, le locandine degli eventi e trovate il programma nel dettaglio sul sito di Maremetraggio.

Eventi riguardanti anche bambini e ragazzi che li coinvolgeranno in prima persona come Short for Sweets laboratorio gestito da Francesco Filippi per creare la sigla di SweeTs4Kids, esperienza riconfermata per il secondo anno legata al filone principale della proiezione di Corti in Piazza Verdi, ma che vedrà come giurati… i bimbi, la Carica dei 101 come è stata simpaticamente chiamata dagli addetti ai lavori!

Riconfermati alcuni sponsor come Bakel e Trieste Caffè che daranno il nome a due dei premi per i vincitori per i migliori corti e riconfermato il premio Mattador per la miglior sceneggiatura.

“Nuovo” sponsor della manifestazione è il Punto Enel in Galleria Tergesteo, dopo un anno di pausa dalla collaborazione, che riprende il ruolo con sempre maggiore entusiasmo e che ha messo a disposizione alcuni spazi della sede già per la conferenza stampa e dove si terranno alcuni incontri durante il Festival!

Le altre sedi della manifestazione sono Piazza Verdi dove come già detto ci sarà la proiezione dei Corti, il Cinema Ariston (dove potrete spesso trovare me) dove avrà luogo la proiezione delle Nuove Impronte film cosiddetti “Lunghi” degni di nota.

Alcuni titoli: I cormorani e Arianna con Valentina Carnelutti già attrice ne La pazza gioia di Virzì.

In apertura delle serate quest’anno ci sarà un omaggio ad Andrea Segrè, che terrà anche un laboratorio negli ultimi giorni di Festival, mentre protagonista della Prospettiva sarà Matilda De Angelis.

Cos’è la prospettiva? Un focus su un attore o un’attrice (in questo caso) giovane ma che si è già distinta per carattere e talento. Qualcuno di voi l’avrà vista nei panni di Ambra in Tutto può succedere fiction Rai o nel film Veloce come il vento co-protagonista con Stefano Accorsi.

maremetraggio 2016

In realtà all’inizio del post non volevo parlarvi del programma ma poi mi son fatta prendere la mano. Quello che volevo sottolineare invece era cosa mi ha fatto trovare le parole per raccontarvi di questa “nuova” esperienza, se vi fosse rimasta la curiosità (forse anche no).

Quello che mi ha portato l’entusiasmo a mille nonostante la stanchezza è la possibilità di vivere giornate come quella di ieri, la bellezza di un gruppo che viene da vissuti diversi ma appassionati dal cinema e dal vivere un’esperienza diversa.

Che collabora senza conoscersi, tra risate e caldo alla costruzione delle urne per le votazioni di corti e “nuove impronte” o che si trova a preparare le schede di valutazione e poi finisce la giornata a chiaccherare di sé davanti a un aperitivo…
Ecco..questo troverete in questi giorni oltre gli appuntamenti del festival un gruppo di giovani appassionati ed entusiasti, preparati e pronti ad accogliervi e a rispondere a qualsiasi dubbio e curiosità…vi aspettiamo!

E in bocca al lupo e buon lavoro a noi!

by Annette

Annunci

FIORE

Lo scorso martedì sera abbiamo partecipato con Annette, alla visione di FIORE, di Claudio Giovannesi, primo film del ciclo ´I film della Critica´ al Cinema Ariston a Trieste. Ha partecipato al Festival di Cannes alla 48esima edizione della Quinzaine des Réalisateurs, conquistando il pubblico e critica. È stato presentato da Beatrice Fiorentino, giornalista freelance, critico cinematografico (SNCCI). Racconta il desiderio d’amore di Daphne, ragazza adolescente e della forza di un sentimento che infrange ogni legge.

Giovannesi anche in questo film, come in Alì ha gli occhi azzurri, si è ispirato al cinema di Pier Paolo Pasolini. Ha scritto la sceneggiatura insieme allo sceneggiatore Filippo Gravino e alla scrittrice Antonella Lattanzi. La fotografia è di Daniele Ciprì.

È un film verità, che parla a tutti, al mondo. Parla di una storia d’amore inaspettata, nata in carcere, vi è un lato oscuro, ma rimane viva l’innocenza, la purezza. È un inno alla libertà, racconta la realtà del carcere, di situazioni estreme, è un film documentale, anarchico. Film pieno di poesia, con musiche ben scelte, calzanti alla fotografia.

Trama

Racconta la storia di Daphne (Daphne Scoccia), una ragazza detenuta in un carcere minorile per aver commesso piccoli furti. Nonostante nel penitenziario ragazzi e ragazze siano tenuti divisi, Daphne si innamora di Josh (Josciua Algeri) con cui comunica attraverso le sbarre e grazie a lettere scambiate di nascosto durante i pasti nella mensa comune. Daphne non ha avuto un’infanzia facile, ha vissuto sulla sua pelle l’assenza del padre (Valerio Mastandrea) anche lui era detenuto in carcere, ora ai domiciliari, a casa della compagna (Laura Vasiliu).

Gli attori sono emergenti, alle prime armi; gli unici professionisti sono Valerio Mastrandrea e Laura Vasiliu. Il regista ha voluto mantenere i nomi degli interpreti.

Ha cercato di rappresentare il carcere come un luogo che prima ancora della libertà, priva le persone della possibilità di essere amate.

Ha raccontato anche il rapporto tra padre e figlia, la sofferenza di Daphne, il suo sguardo malinconico, la voglia di fuggire, di ritornare bambina e agire di pancia, senza pensare alle conseguenze… l’amore tra i due ragazzi si vede nell’attesa di incontrarsi, negli sfioramenti delle mani, piena di poesia è la scena delle bolle, una scena d’amore cinematograficamente forte.

Dopo tanti anni di film di genere, vediamo crescere un nuovo cinema in Italia, film sociali e politici. Stiamo vivendo una rinascita del cinema d’autore, grazie ai sceneggiatori, che dei buoni osservatori del reale.

Alla fine del film c’è stato un piccolo dibattito con il pubblico in sala e ci hanno dato appuntamento a ShorTS (Festival internazionale di cortometraggi italiani e stranieri) che si terrà durante la prima settimana di luglio a Trieste. Novità di quest anno la sezione ´Nuove Impronte´ dedicata ai lungometraggi di opere prime del cinema italiano.

Smarty&Liny