Da gli “InVasati tutti pazzi per i fiori” passando per gli “Horti Tergestini”

In questi ultimi week end ci siamo godute la Natura e il caldo Sole di Primavera.
Domenica 12 aprile si è svolto al Civico Orto Botanico di Trieste, in via Marchesetti 2 sul colle di San Luigi,  “InVasati tutti pazzi per i fiori“, mercatino del giardinaggio e orticultura, dove si potevano acquistare e scambiarsi piante, ma anche semi, bulbi e terricci. Davvero interessante questa iniziativa. Infatti permette ai giardinieri non professionisti e ai semplici appassionati di incontrarsi, confrontarsi e scambiarsi esperienze e materiali fra loro.
In programma c’erano incontri, concerti e visite guidate ai vari giardini : formale, dei “semplici” dove sono coltivate piante medicinali e non ma anche velenose, e al percorso paleontologico.

Un folletto che si aggirava per i giardini ci ha dato in dono i bulbi dei muscari. Noi abbiamo raccolto delle ghiandine, seguendo l’esempio del saggio Bilbo quand’era nel giardino di Beorn. Le metteremo a dimora in un vaso, forse qualcosa cresce. Le nostre hanno ottenuto l’ “ok” dal piccolo hobbit che ci ha fatto compagnia 😉

image

Nel week end appena passato invece si sono svolti gli “Horti Tergestini“, manifestazione arrivata alla 10a edizione, nel Parco di San Giovanni che si trova nel comprensorio dell’ex Opp di Trieste.
Agli Horti non ci siamo mai state. La nostra amica Ally ci ha fatto conoscere questa realtà, mostra mercato di piante, fiori e arredi per il giardino.
Tanti gli eventi collaterali, per grandi e piccini. La scelta è stata ampia, tra presentazioni di libri e conferenze.

Anche quest’anno il maltempo e la bora hanno purtroppo fatto capolino il giorno di apertura. Sarà forse una tradizione degli Horti? La bora a 90 km/h e la pioggia hanno tenuto a battesimo pure la 1a edizione.
Dopo un sabato non proprio primaverile, per fortuna il tempo è migliorato almeno alla domenica, così da permetterci di ammirare le bellezze naturali offerte dal Parco e dai vari espositori.

Dopo un giro per il roseto, dove sono si possono apprezzare una miriade di rose, presenti infatti più di cinquemila e provenienti da tutto il mondo (che vanno dalle rose liberty, alle antiche e moderne), siamo andate in cerca dei tulipani dai colori vivaci e tanto primaverili. Poi ci siamo addentrate fra le varie stradine del Parco invase dalle bancarelle piene di fiori, piante aromatiche di ogni tipo. Con grande stupore abbiamo scoperto che esistono più di 10 tipi di menta: quella cubana ottima per il mojito, quella svizzera indicata per curare la tosse, a quella piemontese, romana, menta fragola, menta limone, menta basilico, menta gentile, fino alla famosa menta piperita e marocchina. La scelta era davvero ampia con tutte quelle varietà dagli infiniti usi culinari e curativi. L’indeciso podeva rimanere lì delle ore prima di riuscire finalmente nell’impresa e portarsi a casa una piantina!

Tantissimi gli espositori. Dove volgevi lo sguardo venivi praticamente catturato dai moltissimi colori dei garofani perenni, azalee, rose, alberi da frutta, piante grasse, peonie (Liny si è innamorata della Clair de Lune), bonsai, alberi giapponesi. Che profumi!
Oltre alle piante, qua e là, trovavi stoffe morbidissime; farfalle, libellulle, ricci, gufi, paperette in metallo, o in stoffa; c’era pure il Bianconiglio fatto in legno e tanto arredo Ottocentesco, dai tavoli, sedie, lanterne e chioschi; artigianato tunisino e lituano. Se cercavi qualcosa di più raffinato trovavi gioielli, vestiti e meduse fatte in vetro colorato.
Non potevano mancare le borse “Mis-Mas” riciclate, fatte utilizzando gli striscioni stampati dall’Università in occasione di manifestazioni e presentazioni. Sono pezzi unici, un miscuglio, un assemblaggio imprevedibile di immagini e nascono dalla collaborazione tra ufficio divulgazione scientifica dell’Ateneo triestino e la vicina Sartoria Lister, cooperativa sociale che lavora solo con materiali riciclati (jeans, ombrelli, indumenti usati) reinventandone l’uso. Ecco che ombrelli rotti diventano ponchi, jeans si trasformano in borse, zaini, astucci, portaocchiali o segnalibri.

Buona settimana di sole a tutti 😉

Liny&Smarty

Annunci

6 pensieri su “Da gli “InVasati tutti pazzi per i fiori” passando per gli “Horti Tergestini”

  1. “Il posto delle fragole” ci aspetta, e pure i tulipani e le rose: organizziamo una super gita! 😉
    Bellissimi gli Horti Tergestini, ma quanta gente!!! Il Parco dà il meglio di sé quando è meno affollato e più silenzioso.

  2. Un abbraccio e buon fine settimana carissime!:-)Orla!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...